Mobili per ufficio con chiave: la soluzione migliore per la sicurezza dei nostri archivi

arredo ufficio

 

Quello che dobbiamo fare per garantire un ufficio produttivo è di cercare di mantenere il nostro materiale in ordine e facile da trovare.

Per fare questo abbiamo la necessità di munirci di mobili per archivio che svolgano principalmente 4 funzioni:

  • Arredare
  • Assecondare le abitudini di archiviazione della propria gestione
  • Conservare nel modo più organizzato possibile i nostri documenti
  • Valorizzare l’ufficio

Quando lavoriamo non abbiamo tempo da perdere nella ricerca dei documenti, e spesso abbiamo fretta nel trovare quello che ci serve. Ecco perché gli elementi di arredo a cui proprio non potremo rinunciare sono essenzialmente tre.

Mobili archivio

L’ufficio ha l’obiettivo di essere funzionale e accogliente, ma anche sicuro. Quando i nostri colleghi, o clienti entrano nel nostro spazio di lavoro possono venire a contatto con materiale personale, documenti riservati, o preziosi. Ecco perchè è importante avere un sistema di archiviazione efficiente e che oltre a mantenere il tutto in ordine ne garantisca la massima sicurezza.

In quest’ottica possiamo contate su elementi d’arredo dotati di chiusura e chiave o a combinazione che garantiranno la massima sicurezza del materiale custodito.

Armadi archivio

Scegliere un armadio perfetto e che meglio si adatti al nostro modo di organizzare i documenti non è certo un gioco da ragazzi. Ecco perché abbiamo diverse tipologie di prodotto, a seconda delle considerazioni che andremo a fare in fase di scelta.

  • Quanto spazio abbiamo a disposizione?
  • Quale tipologia di documento dovremmo mettere in sicurezza? Tutto il contenuto o solo una parte?
  • Qual è la frequenza di utilizzo e movimentazione dell’archivio?

Sarà possibile optare per armadi contenitore con ante scorrevoli nella quale avremo in dotazione una serratura o un lucchetto. Mentre armadi con ante battenti o senza ante per un accesso diretto ai faldoni e alle cartelle che non necessitano di essere messe in sicurezza.

Cassettiere e classificatori

Se si ha necessità di mantenere un ufficio organizzato e produttivo, dividendo i documenti in maniera più precisa allora questa soluzione sarà senza dubbio la più pratica per il nostro caso.

Cassettiere con o senza ruote che possono essere spostate a nostro piacimento sotto la scrivania o al suo fianco, per essere sfruttate come archivio in sicurezza rispetto al materiale di uso comune all’interno dell’ufficio.

La peculiarità di queste cassettiere è appunto nella possibilità di poter sfruttare cartelle sospese, ossia un accessorio molto pratico in ufficio che permette di archiviare e catalogare al meglio i documenti.

Per esempio nel caso necessitiamo di consultare con frequenza alcuni documenti, queste tipologie di soluzioni sono le migliori per permetterci di risparmiare tempo prezioso.

Librerie per ufficio

Ecco un’altra soluzione per riporre al meglio documenti, libri e faldoni che necessitano di essere ordinati e permettere alle persone in ufficio di semplificare la ricerca e la consultazione.

Di grande valore estetico all’interno del ufficio, così come l’armadio le librerie per ufficio potranno essere determinanti per agevolare l’organizzazione dei documenti, oltre ad arredare la stanza. Con divisori accessoriati di chiavi per un’ulteriore divisione che ne garantisca la privacy e la sicurezza.

Librerie a giorno o con ante scorrevoli, possono essere anche sfruttati come divisoria tra una postazione di lavoro e un’altra.

Mobili in metallo per ufficio: una soluzione di stile e praticità

arredo ufficio

 

La scelta del mobilio all’interno del nostro ufficio deve essere funzionale e di supporto per catalogare i nostri documenti e archiviarli nel modo corretto. Il metodo migliore è quello di posizionarli all’interno di appositi raccoglitori da porre poi sugli scaffali e mobili che permettano di mantenere il tutto ordinato e in massima sicurezza, ottimizzando gli spazi.

Gli Scaffali

E’ possibile posizionare gli scaffali direttamente nell’ufficio o in alternativa all’interno della stanza archivio appositamente adibita.

Sulla base di questa prima considerazione verterà la tipologia di scaffalatura che andremo a scegliere.

Le scaffalature della stanza d’archivio saranno principalmente funzionali, ed in questo senso la scelta di scaffali in metallo permetterà di garantire la massima resistenza, facilità di pulizia e mantenimento. Questa tipologia di scaffali è molto leggera e proprio per questo motivo è importante assicurare il mobile bloccandolo alla parete attraverso delle apposite viti. Grazie a questo sistema garantiremo la massima sicurezza, evitando che possano ribaltarsi, cadere e causare incidenti alle persone che mobilitano il materiale.

Gli armadi

Principalmente gli armadi da ufficio sono armadi caratterizzati da ante scorrevoli e sono ideali per ottimizzare al massimo gli spazi ma troviamo anche modelli che presentano delle ante laterali o battenti.

Le ante laterali potranno volendo essere chiuse a chiave, ed evitare ad occhi indiscreti l’accesso ai documenti che andremo ad archiviare.

A seconda della tipologia e del modello potranno essere di dimensioni estremamente differenti, alti, di dimensioni molto grandi, oppure bassi e lunghi, in modo da essere utilizzabili anche come punto di appoggio di materiale d’arredo.

Internamente saranno presenti mensole, del tutto simili ad una più classica libreria. Le mensole utilizzabili per riporre fascicoli, libri, archivi, e supporti in metallo sulla quale disporre fascicoli di dimensioni inferiori a seconda delle nostre esigenze.

Saranno presenti inoltre dei sistemi a cassetti che hanno la caratteristica di essere estremamente lunghi, alti e profondi, con supporti interni per fascicoli e per schede.

La scelta di mobili in metallo per ufficio è adatta per creare un ambiente moderno, ed è possibile optare per colorazioni che variano dall’opaco al lucido, all’argento o in versioni più laccate con colori accesi.

Per quanto riguarda invece le linee, questa tipologia di armadi si presenta con linee geometriche, essenziali, utili per adattarsi nel migliore modo possibile al contesto della stanza e agli altri mobili presenti.

Le cassettiere

Anche per quanto riguarda le cassettiere possiamo trovare diversi modelli e diverse tipologie di prodotto, e principalmente vengono divise tra scrivanie da terra o da scrivania.

Le prime sono realizzare in versioni basse e ideali per essere posizionate sotto la scrivania, oppure alte, per essere appoggiate alla parete come un classico mobile indipendente.

Spesso sono dotate di ruote per poter essere spostare con facilità in caso di bisogno.

Le cassettiere da scrivania invece sono di più piccole dimensioni e dotate di piedini in modo da evitare il graffio della superficie e pavimento in caso di spostamenti.

Per quanto riguarda il materiale, quelle in metallo, sono più lucide ed è possibile optare per una svariata scelta di colori. Tra i più diffusi essenzialmente troviamo il bianco ed il rosso.

La loro funzionalità principale come abbiamo sottolineato all’inizio è quella di garantire la corretta archiviazione dei nostri documenti ma anche la loro sicurezza, ed in questo senso al bisogno saranno disponibili chiusure a chiave o a combinazione. Per documenti che dovranno essere protetti al meglio ed evitarne il contatto con persone non autorizzate alla movimentazione.

Le scaffalature metalliche: I modelli e applicazioni

arredo ufficio

 

Una delle versioni più classiche degli scaffali metallici industriali sono i portapallet, che sono progettati appositamente per immagazzinare articoli pesanti o prodotti stoccati in bancali e palle. A seconda del livello di carico variano in base alla natura dinamica o statica del magazzino, ma solitamente sono la versione più scelta per stoccaggi importanti.

Spesso le aziende hanno bisogno di ordinare articoli come tubi, pannelli e lamiere, in questo senso e per questo genere di prodotti, difficili da gestire, una normale scaffalatura non permetterebbe di prelevarli con carrelli. Per questa tipologia di merce esistono scaffalature speciali con sporgenze statiche in metallo dove è possibile alloggiare barre e tubi per renderli facilmente prelevabili.

In commercio esistono molti modelli di scaffalature metalliche sia per magazzini leggeri che pesanti, La soluzione di scaffalature leggere è indicata per stoccaggio di piccoli pezzi, dal peso contenuto, ma anche ideali come archivio. Nella ristorazione vengono spesso utilizzati scaffali leggeri, con scansie in metallo o acciaio perfette per rispettare le norme igienico sanitarie e HACCP.

Qualora lo spazio di stoccaggio non possa essere aumentato per vincoli di spazio, la soluzione sarebbe quella di ottimizzarlo grazie all’utilizzo verticale di soppalchi. Le scaffalature industriali verticali vengono disposte su più piani, e sono raggiungibili attraverso delle scale in modo da guadagnare molto spazio, e prelevare altrettanto comodamente gli articoli nelle nuove superfici.

Scaffalature industriali antisismiche per magazzini

Nelle regioni particolarmente a rischio, le scaffalature devono rispettare severe norme antisismiche, in queste zone si ha l’obbligo di montare queste tipologie di scaffali metallici, progettati appositamente per sostenere carichi variabili, e prevedere oscillazioni causate dalle scosse. Tutte le valutazioni dovranno considerare la natura della merce stoccata, la classe d’impiego di magazzino e la categoria del sottosuolo.

In conclusione un buon modello di scaffale industriale è estremamente utile per dare impulso alle normali attività lavorative dell’azienda. Impianto in sicurezza, ordinato e che velocizzi le operazioni di carico e prelevamento è estremamente importante.

Scaffalatura industriale metallica, specificità e tipologie

arredo ufficio

 

Da diverso tempo le scaffalature metalliche vengono utilizzate in diversi ambiti della logistica. Fino a poco tempo fa le trovavamo solo nei magazzini di stoccaggio della merce mentre oggi sono ampiamente impiegate anche nei reparti destinati al contatto con il pubblico, alla vendita, come ad esempio i supermercati.

Questa possibilità di essere flessibili ed elastici nell’utilizzo che viene attribuito alla scaffalatura, è dovuto principalmente alla loro capacità di essere modificate velocemente sia nella disposizione che nella capacità.

All’interno dei magazzini di stoccaggio della merce l’impiego di scaffalature metalliche è influenzato dalla scelta del sistema di movimentazione utilizzato. Questo è conseguenza della tipologia di merce che dobbiamo trattare. Se ad esempio dobbiamo trattare capi di abbigliamento utilizzeremo un sistema di movimentazione che sfrutti carrelli, mentre se la merce viene trasportata su bancali, saremo in presenza di un sistema di movimentazione che farà uso di muletti o transpallet.

La scaffalatura metallica è un sistema molto versatile e adatto alla maggior parte delle tipologie di merce. E in linea di massima sono la scelta migliore se vogliamo ottimizzare lo spazio dedicato al magazzino. In qualsiasi momento infatti possiamo modificare la struttura, aggiungendo e togliendo moduli in base allo spazio che vogliamo attribuirvici, ed in funzione della necessità di stoccaggio. Pertanto in periodi in cui avremo un surplus di produzione potremo aumentare la capacità del nostro magazzino, per poi ridurla in un secondo momento quando riprenderanno le vendite.

Caratteristiche delle scaffalature metalliche

Le scaffalature metalliche vengono realizzate con dei moduli standard, il che permette un vantaggio in termini di costi da una parte, ma anche di tempistiche, in quanto l’installazione risulta semplice e per nulla complicata. Proprio la versatilità di una struttura modulare favorisce l’insediamento all’interno di un edificio senza modifiche alla struttura di questo. Può essere adattata sia all’edificio che all’ambiente circostante con la massima flessibilità che caratterizza queste scaffalature. Prendiamo ad esempio realtà commerciali come supermercati, è importante capire che queste strutture di scaffali non solo svolgono una funzione di stoccaggio ma caratterizzano l’arredo del negozio e determino sia il percorso cliente al suo interno, che il posizionamento della merce sullo scaffale.

Alcuni aspetti importanti da considerare nella struttura degli scaffali metallici

Generalmente le scaffalature sono progettate per essere sottoposte a sollecitazioni verticali: infatti la merce che viene stoccata esercita una forza sul terreno dovuta al peso. La scaffalatura è studiata appositamente per sopportare questo peso e il tutto è concepito per sorreggere la merce ma tuttavia lo stoccaggio e la movimentazione di questa se non effettuata nella maniera corretta può indurre la struttura a sollecitazioni che potrebbero comprometterne la stabilità. E’ dunque sempre importante prestare molta attenzione alla gestione del peso in rapporto al numero di moduli e conformità della struttura.

Suggeriamo di affidarsi ad esperti anche in fase di progettazione dell’ambiente per valutare attentamente ogni aspetto, e ad un catalogo che offra scaffalature metalliche di qualità e adatti al singolo caso specifico.

Scaffali componibili per ripostiglio, come organizzarlo al meglio

arredo ufficio

 

La parola d’ordine è saper sfruttare al massimo ogni centimetro del nostro ripostiglio e per fare questo non c’è niente di meglio di utilizzare scaffalature componibili, robuste e capienti.

E’ infatti importante e necessario prestare attenzione alla funzionalità più che al lato estetico ed ottimizzare al meglio la capienza, scegliendo dunque scaffali essenziali e che permettano di ridurre al minimo l’ingombro.

Il materiale che vorremmo consigliare è senz’altro l’acciaio, che garantisce massima igiene in quanto molto semplice da pulire ed allo stesso tempo robusto e bisognoso di pochissima manutenzione.

In genere i ripostigli sono stretti e piccoli ambienti, e per questo è importante sfruttare lo spazio in verticale. Se disponiamo di scaffali che raggiungono il soffitto dovremmo considerare il giusto spazio per permettere alle persone di muoversi internamente e di raggiungere con facilità tutti i ripiani per stoccare e prelevare i nostri oggetti riposti.

Altro consiglio utile e pratica molto utilizzata è quello di inserire dei ganci fissati alle pareti per appendere gli utensili che utilizziamo più di frequente.

Come disporre gli oggetti nel ripostiglio

Una volta che avremo arredato il ripostiglio con i nostri scaffali componibili, sarà importante iniziare a pensare al come disporre tutti gli oggetti al suo interno.

Disporremmo dunque quelli che utilizziamo di meno nelle zone più difficili da raggiungere (per esempio i ripiani alti), mentre nei ripiani medi e inferiori quelli che utilizziamo più di frequente.

Nel caso conserviamo nel ripostiglio anche alimenti dovremmo prestare molta attenzione nel tenerli separati dagli altri accessori e in confezioni ben sigillate.

Nella parte libera dagli scaffali sarà bene posizionare ganci e appendini per ordinare scope, spazzole, piumini e battipanni. Il segreto è quello di attaccarli in alto e a metà parete in modo che sotto sia possibile posizionare altre cose. Appendiamo il gancio per la scala e sotto questa andremo a sistemare la scatola con gli attrezzi da lavoro, che in quanto pesante, è sempre bene sia posizionata a terra.

Conserveremo nel nostro ripostiglio anche scatole vuote per contenere pezzi di ricambio per i nostri accessori elettrici, ad esempio, i cavi, o le prese, ricordandoci sempre di mettere un’etichetta bene visibile con le cose contenute nella scatola in modo che possiamo immediatamente ritrovare quello che abbiamo inserito all’interno, evitando di perdere tempo inutilmente.

La pulizia del nostro ripostiglio

Dopo avere svuotato le mensole, prendiamo due cucchiai di sapone di marsiglia liquido e due cucchiai di bicarbonato in 4 bicchieri di acqua bollente. Aggiungiamo poi un bicchiere di aceto bianco e lasciamo che si raffreddi il tutto. Versiamo poi la miscela che abbiamo ottenuto in un contenitore spray e passiamola con un panno morbido in micro fibra su tutta la superficie del nostro ripostiglio. Risciacquiamo con un panno inumidito con acqua e lasciamo asciugare bene prima di rimettere di nuovo tutti i nostri oggetti in ordine.

Di seguito suggeriamo un ottimo partner per la scelta della vostra nuova scaffalatura componibile da posizionare all’interno del ripostiglio, in questo catalogo sarà possibile scegliere da molti modelli di qualità e a prezzi imbattibili.

Armadi per fitosanari: tutto quello che bisogna sapere per conservarli al meglio!

arredo ufficio

 

I prodotti fitosanitari rientrano nelle sostanze pericolose ed altamente contaminanti, e per questo motivo viene regolamentata in maniera precisa la loro conservazione attraverso una serie di normative. Secondo le modalità che consentono di eliminare i fattori di rischio che sono legati a versamenti accidentali o ad accessi non autorizzati ai prodotti, è importante acquistare armadi appositi che siano conformi alle normative vigenti.

Le norme di sicurezza da rispettare

Le normative in essere prevedono una regolamentazione specifica per tutelare la salute delle persone e la sicurezza degli ambienti di lavoro, e dell’ambiente. Il loro utilizzo è consentito a personale abilitato alla movimentazione, che deve conoscere nel dettaglio le procedure per la conservazione e lo stoccaggio, ed evitare contaminazioni e rischi di qualsiasi genere.

Gli armadi per fitosanitari sono, come tutti gli armadi di sicurezza, specifici per alloggiare sostanze nocive e studiati per garantire la tutela collettiva e individuale connessi ad un’errata conservazione.

Come conservare i fitosanitari

La pericolosità delle sostanze impiegate rende necessario il conseguimento di un apposito patentino che garantisce competenze necessarie per utilizzarli in piena sicurezza. Per la conservazione è necessario disporre di un locale il cui accesso è consentito ai soli autorizzati e in possesso delle chiavi. I locali dovranno essere ben aerati con soffitti alti e pareti trattate con pittura idrorepellente. I pavimenti dovranno essere integri e impermeabili. Per le piccole quantità è possibile conservare i prodotti direttamente negli armadi appositi senza necessità di locali esclusivi.

Quali caratteristiche devono avere gli armadi per fitosanitari?

Gli armadi dovranno avere una struttura robusta, e devono essere provvisti di serrature per poter essere chiusi a chiave, ma soprattutto prevedere selle feritoie per consentire una corretta circolazione dell’aria. Che siano in lamiera d’acciaio o zincoplastificata, la loro struttura e il contenimento delle sostanze nocive sarà assicurata.

Modelli per le differenti esigenze

A seconda della tipologia di prodotti e delle differenti esigenze si potrà scegliere tra molti modelli di armadi per fitosanitari con ripiani regolabili asolati e zincati oppure con vasche di contenimento zincate e a tenuta stagna.

La tenuta stagna garantisce la massima sicurezza ed evita il pericolo di infiltrazione delle sostanze contaminanti. Il fatto che le vasche siano regolabili, inoltre, facilita notevolmente le operazioni di pulizia, garantendo una veloce risoluzione dei rischi. Molti dei modelli disponibili sono muniti di segnaletica di sicurezza frontale, particolarmente indicata nel caso gli agenti contaminanti non siano stoccati in un luogo esclusivo. Ogni modello è munito di feritoie laterali o frontali, oppure di sistemi di aerazione naturale a griglia che garantiscono un adeguato ricambio dell’aria. Tutti gli armadi per fitosanitari sono, inoltre, dotati di apposita serratura per consentire la conservazione in piena sicurezza. Sono disponibili sia armadi per fitosanitari con serratura cilindrica con doppia chiave numerata che quelli con chiusura ad asta con maniglia e serratura a chiave.

Qualunque necessità abbiate, sarà opportuno scegliere armadi per fitosanitari che garantiscano sicurezza e qualità. La conformità alle normative vigenti e la scelta di materiali solidi e resistenti, consentono la conservazione di qualsiasi sostanza nociva senza correre alcun rischio per la salute e per l’ambiente.

POSTAZIONE DI LAVORO ERGONOMICA: COME PROGETTARLA AL MEGLIO?

arredo ufficio

 

Ecco alcuni consigli estremamente utili per progettare una postazione di lavoro ergonomica per il tuo ufficio, che ti permetterà di rispondere alle necessità delle diverse tipologie di ufficio ed individuare le caratteristiche importanti per poter lavorare in maniera ottimale.

PIANO DI LAVORO

Il piano di lavoro necessita di dimensioni ed una profondità adeguata per installare uno schermo alla distanza perfetta dall’operatore e che permetta di lasciare libere le gambe per mantenere una postura corretta. Lo spazio del tavolo può servire per scrivere, posizionare documenti ed il materiale utile al lavoro.

Si consiglia di scegliere un colore chiaro in modo da favorire una corretta illuminazione del nostro ambiente.

Le sedie ergonomiche sono inclinate in avanti con spazi tra il tronco e le cosce in modo da permettere di ridurre la pressione sui dischi, favorendo così un corretto allineamento della colonna vertebrale.

Il piano di lavoro dovrebbe mantenere una dimensione di circa 150 cm e una larghezza all’incirca di 90 cm, un’altezza sui 70 cm in modo da permettere appunto libertà di movimento per le gambe.

SCome accennato primo anche la posizione dello schermo è estremamente importante, che dovrebbe rimanere a non meno di 30- 60 cm, in questo senso l’utilizzo di monitor piatti ne favorisce lo spostamento adeguato.

Preferiamo dunque una superficie del piano di lavoro facilmente pulibile, di colore chiaro illuminata in modo adeguato, ogni tavolo ed ogni operatore dovrebbe avere una sua fonte, in modo da favorire un miglior adattamento allo spazio e alle esigenze specifiche.

LA SEDIA PER UFFICIO

Tutti sappiamo che le sedie sono un complemento fondamentale per il nostro piano in quanto vengono utilizzate durante tutta la giornata lavorativa, dovranno dunque consentire il massimo comfort e una sana postura. Consideriamo anche che una volta seduti i piedi dovranno poi appoggiare sull’apposito poggiapiedi o comunque al pavimento. Mentre l’avanbraccio dovrebbe mantenere un’angolatura di circa 90 gradi con il braccio.

Facciamo attenzione infine che la seduta sia inclinabile e regolabile per permetterci di adattare la sedia a seconda dell’operatore che la utilizza, dovrebbe essere dinamica in modo da attivare il metabolismo dei dischi invertebrali.

Una seduta che non possiede questa caratteristica, favorirà l’aumento della pressione sui dischi causando così dei dolori ed una fuoriuscita di liquido. Una seduta troppo rilassata, invece potrebbe caricare alla lunga la zona cervicale e lombare.

MOBILI PER UFFICIO

Anche i mobili sono elemento fondamentale nell’insieme dell’arredo di una postazione di lavoro funzionale.

Allochiamo cassettiere, sotto il tavolo, armadi componibili, valutando attentamente le dimensioni più adatte al tipo di spazio nell’ufficio che stiamo arredando, e tutti gli elementi che dobbiamo archiviare e conservare.

Oggi possiamo trovare mobili modulari e componibili, che potremo poi variare a seconda della disposizione degli scomparti e alle nostre specifiche esigenze.

I principi dell’ergonomia dell’ufficio possono essere riassunti anche come metodi preventivi per limitare o rimuovere problemi generati da un ambienti in cui l’arredamento non è funzionale alla salute degli operatori che devono lavorare per molto tempo al pc in ufficio.

Prevenire eventuali danni che possono essere causati da posture scorrette può essere un vantaggio notevole per le aziende in quanto risparmieranno molti soldi per risarcire danni provocati da postazioni non salutari.

Cosa sono le sedie ergonomiche quali vantaggi offrono

arredo ufficio

 

La comodità e una corretta postura sono spesso trascurati quando si è alla scrivania durante le ore lavorative, spesso la sedia è scomoda ed in questi casi è più facile il nostro corpo, in special modo braccia, collo e zona lombare vengano messe a dura prova. Se non disponiamo di una sedia ergonomica si potrebbe incorrere in disturbi muscolari o a mal di schiena, dolori alle articolazioni e ai tendini.

Lo studio che sta alla base di una sedia ergonomica viene oggi regolata in modo molto preciso dal D.Lgs 81/2008 e dalla direttiva europea EN 1335 1-2-3..

In sostanza questa tipologia di sedia deve garantire: – Che il piedi formi un angolo di circa 90 gradi con il polpaccio – Il polpaccio deve essere verticale – La pianta del piede ben appoggiata a terra – Tronco eretto – Coscia orizzontale

Cosa sono le sedie ergonomiche: vediamo i vantaggi

Vediamo insieme quali sono i vantaggi delle nuove sedie ergonomiche a norma di legge.

Migliorare la postura

Le sedie ergonomiche sono inclinate in avanti con spazi tra il tronco e le cosce in modo da permettere di ridurre la pressione sui dischi, favorendo così un corretto allineamento della colonna vertebrale.

Nelle tradizionali sedie da ufficio infatti non troviamo un sostegno idoneo alla colonna quindi restare per molto tempo seduti su queste sedie non può fare altro che peggiorare la postura.

Sollievo del dolore

Studi confermano che le sedie ergonomiche funzionano meglio per migliorare la corretta curvatura lombare, evitando cosi dolori alla schiena. L’inclinazione garantisce minor sforzo dei muscoli lombari ed un minore affaticamento, permettendo di migliorare la propria condizione.

Comfort

Comodità di seduta e allineamento della colonna vertebrale sono i principali aspetti benefici, e che garantiscono una corretta distribuzione del peso tra schiena, gambe e polpacci.

Benefici

Le sedie ergonomiche permettono un maggior comfort e benefici anche a livello di respirazione, digestione e circolazione del sangue, in quanto grazie alla posizione ottimale del bacino, delle spalle e del torace, si favoriscono le normali funzioni corporali.

Rilassamento muscolare

Il peso viene così distribuito in maniera regolare a livello del sistema muscolo-schelettrico e questo contribuisce a ridurre la compressione tra muscoli, tendini ed articolazioni.

Maggiore produttività

Tenere una postura non corretta per oltre 20 minuti porta a ridurre l’elasticità dei tessuti, causando stress e dolori, mentre una corretta posizione favorisce la concentrazione e la produttività, grazie ad un corretto flusso sanguigno in tutto il corpo.

Muscolatura più forte

Le sedute ergonomiche permettono inoltre di rinforzare i muscoli, in quanto la posizione sia del ginocchio, che permette di migliorare la muscolatura addominale e della schiena, in quanto non si è appoggiati completamente allo schienale.

Facilità di utilizzo

Le sedie ergonomiche sono più facili da utilizzare rispetto alle sedie operative in quanto più facili da spostare oltre ai pregi e ai vantaggi argomentati prima.

COME SCEGLIERE LE CASSETTIERE UFFICIO: LA NOSTRA GUIDA PER FARLO AL MEGLIO

arredo ufficio

 

All’interno dell’ufficio le cassettiere sono molto importanti in quanto permettono di mantenere tutti i nostri documenti e il materiale da lavoro sempre in ordine e a portata di mano.

In questo articolo vogliamo proporvi una piccola guida che vi permetterà di approfondire l’argomento e avere maggiori informazioni sui modelli, i materiali e le caratteristiche delle cassettiere per ufficio.

Tipologie di cassettiere

Lo scopo della cassettiera è quello di contenere appunto documenti e materiale, per fare in modo che rimanga sempre in ordine ed essere sempre a portata di mano.

A disposizione possiamo trovare cassettiere da terra o cassettiere da scrivania, entrambe le soluzioni presentano spesso cassetti profondi e sono generalmente di piccole dimensioni, in quanto appunto sono studiate per contenere documenti e non materiale ingombrante, per la quale invece saranno più idonei mobiletti e armadi appositi.

Il vantaggio principale è appunto poter ottimizzare lo spazio e sono dunque ideali per quegli ambienti piccoli o per uffici condivisi.

Potremmo poi distinguere ulteriormente modelli che presentano chiusure a chiave dei cassetti ed in altri casi anche tramite combinazioni numeriche, questi modelli sono ideali nei casi in cui si necessita di archiviare documenti importanti o affetti personali.

Le cassettiere da terra

Le cassettiere da ufficio da terra si presentano in una versione ideale per essere posizionata sotto il piano della scrivania, e dunque è senza ombra di dubbio il modello perfetto per soddisfare esigenze di spazio particolari.

Solitamente presentano delle ruote per facilitarne gli spostamenti e garantire il massimo della flessibilità.

I materiali

Le cassettiere possono essere poi di diversi materiali come il legno, scelta perfetta se si pensa ad una soluzione estetica e di design in linea con un ufficio elegante e classico, ma rispetto ad altri materiali è necessita di più manutenzioni.

Cassettiere in metallo invece sono più ideali per uffici moderno e sono disponibili in più colori, garantendo meno sforzo di manutenzione, mantenimento e pulizia.

Aspetti importanti nella scelta

Per effettuare la giusta scelta della nostra nuova cassettiera dovremmo considerare innanzitutto.

La funzionalità che è una caratteristica essenziale, ma non la sola, in quanto appunto il mobile dovrebbe richiamare lo stile e i materiali degli altri arredi dell’ufficio. Non si tratta infatti solamente di uno strumento di archiviazione da di un pezzo d’arredo che comunque assolve ad una funzione estetica.

La scelta poi dipenderà da eventuali esigenze di stoccaggio, alcuni modelli che presentano chiusure di sicurezza saranno ideali per conservare documenti amministrativi. Oltre alla solidità e la praticità dei cassetti, consideriamo sempre anche la facilità di manutenzione.

Sfoglia il nostro catalogo online e chiedi una consulenza personalizzata per scegliere al meglio la tua nuova cassettiera per l’ufficio.

Come scegliere il giusto tavolo per sala riunioni

La scelta del giusto tavolo per la sala riunioni non è certo una scelta banale, poiché si tratta dell’elemento d’arredo attorno al quale di sviluppano le strategie della nostra azienda.

Un luogo dove vengono prese decisioni importanti e si costruiscono le relazioni con il nostro team, i nostri clienti e partner commerciali. Ecco perché è l’ambiente più delicato che esprime i valori aziendali e lo stato d’animo delle persone.

Per scegliere il nostro nuovo tavolo per la sala riunioni, vediamo di seguito alcuni consigli utili a prescindere dalla grandezza della nostra azienda e che saranno adatti ad ogni circostanza specifica.

Dimensione della stanza e funzionalità

In primo luogo dovremmo valutare attentamente quale sarà la sua destinazione d’utilizzo principale: verrebbe principalmente utilizzato per operatività interna o per incontri con i clienti o partner?

Benchè le due funzioni possano tranquillamente coesistere sarà bene considerare fin da subito le priorità in modo da valutare al meglio lo stile del nostro arredo e optare per quello più adatto.

In un secondo momento passeremo a valutare le dimensioni della stanza, così facendo potremo assicurarci che ci sia abbastanza spazio da permettere gli spostamenti delle persone e in modo che possano lavorare al meglio senza ostacoli.

Particolare attenzione deve essere data anche nel garantire la massima sicurezza, e dunque sarà importante considerare il posizionamento in relazione ad uscite di sicurezza, porte e finestre.

Se solitamente alle nostre riunioni partecipano poche persone avremo dei parametri totalmente differenti rispetto a casi dove invece partecipano molte persone. Il comfort è un aspetto fondamentale e questo influisce sulla qualità delle sedute, dato che per una postazione ottimale si dovrebbero considerare almeno 80 cm. La gestione dello spazio, e la scelta della giusta tipologia di sedie è fattore importante in fase di arredo.

Prese di corrente

Utilizzare device e pc durante le nostre riunioni è molto importante, per questo motivo, dovremmo considerare il posizionamento intelligente delle prese di corrente, delle dimensioni e della forma anche del tavolo che andremo a scegliere, considerando appunto anche questi fattori di collegamento facile alla corrente. E non sarà certo semplice potersi muovere in una stanza dove ci sono grovigli di cavi, o prese irraggiungibili da un normale carica batterie.

Design

Sicuramente il tavolo da riunioni è l’elemento principale sella sala, e sarà dunque importante valutare anche l’aspetto estetico, ragionando un senso estetico d’insieme ed in armonia con tutti i complementi d’arredo.

Forma, materiale, stile sono i principali aspetti che andremmo ad analizzare nella nostra scelta, oltre appunto all’aspetto funzionale che abbiamo descritto precedentemente.

I tavoli per la sala vengono selezionati di norma in base allo stile aziendale che si vuole comunicare e all’immagine. Possono essere di diverse misure ed ogni forma è studiata appunto per comunicare un certo messaggio.

Ad esempio un tavolo rotondo favorirà la percezione di un’atmosfera più concentrata e una sensazione di unione del team, un tavolo quadrato invece trasmetterà stabilità, eleganza ma favorisce anche la concentrazione e dunque migliorerà la produttività dei collaboratori.