La lamiera delLa MIa ERA

Immagine lamiera
 

Oggi voglio riportarVi per un attimo indietro col tempo per farVi capire quale sarà l’ossatura di questo nuovo post. A breve capire perchè!

Lavoisier, il padre della chimica, diceva: “Nulla si crea, nulla si distrugge, tutto si trasforma”.

Lo definirei l’aforisma per eccellenza. Partendo da questo presupposto potremmo porci diversi interrogativi. Perché cosi tanti sprechi? Perché ricercare nuove risorse? Perché non valorizzare il nostro territorio? Perchè cercare altrove il meglio quando abbiamo in casa le più grandi materie prime? Lascio a Voi rispondere.

Intanto Vi racconto un po’ di Noi. La nostra azienda nasce nel lontano 1960 dall’idea, ma più che dall’idea, forse, dalla dedizione al lavoro di una grande persona. “Quella passione che, dopo tanti anni, mio padre è riuscito a trasmettere anche a me”, dice il figlio.

“La nostra azienda, come produttrice di scaffalature metalliche, oggi, è cresciuta grazie all’impegno di tutti i nostri lavoratori e alle certificazioni di garanzia che nel tempo abbiamo conquistato”, continua il titolare.

Ritorniamo su nostri passi. Come non parlarVi, allora, di una della nostre migliori alleate: la lamiera.

Lavorandola da oltre cinquant’anni possiamo affermare che è diventata la ns.  migliore fonte di ispirazione per la realizzazione di nuovi prodotti. Credo di potermi sbilanciare: la lamiera è da sempre stata la madre di oggetti e manufatti sensazionali, forti, duraturi e garantiti.

Questi anni ci son serviti per maturare una profonda conoscenza di tutti i suoi processi di lavorazione e non riteniamo assolutamente giusto sminuire il vero valore che uno “zoccolo duro” come questa materia prima può e potrà ancora conferire al lavoro destinato alle nuove generazioni!

La lamiera, se ben lavorata, è una garanzia.

La lamiera non è, e mai sarà o dovrà essere, una materia di scarto. Le evoluzioni, le nuove tecnologie, le novità processuali in tale ambito non dovranno assolutamente mettere in secondo piano i connotati positivi di questa grande potenza.

Sono le più grandi aziende siderurgiche ad investire ogni giorno ingenti capitali per cercare di migliorarsi, di reinventarsi per sorprendere e sopraffare le nuove nate, quelle realtà che purtroppo caratterizzano il mercato emergente! Devono essere le più piccole realtà come le nostre le prime a non demordere.

Ma entriamo nello specifico. La lamiera viene ottenuta mediante una colata continua di acciaio liquido. L’acciaio è la lega per eccellenza, riciclabile al 100% e all’infinito senza alcuna perdita di qualità, dal basso impatto ambientale. Una volta recuperato, è ancora riciclabile al 100%.

L’importanza dell’acciaio è enorme, i suoi usi sono innumerevoli, come anche le varietà in cui esso viene prodotto. Col passare del tempo le tecniche di produzione dell’acciaio si sono andate perfezionando e settorializzando, per cui ai nostri giorni esistono molteplici tipologie di acciaio, ciascuna relativa a diverse esigenze progettuali e di mercato.

Il riciclo dell’acciaio è un processo sostenibile: il circuito del riciclo è assicurato dal valore economico intrinseco dell’acciaio. Ecco in breve il ciclo di vita dell’acciaio:

Immagine

Come Vi ricordavo all’apice del post, Lavoisier, il padre della chimica, ci ha insegnato che

“Nulla si crea, nulla si distrugge, tutto si trasforma”.

Nel nostro caso “nulla si crea, nulla si distrugge, tutto si ricicla”.

Concluderei così: Dobbiamo essere forti come chi ci ha insegnato ad esserlo!

LUNGA VITA ALLA LAMIERA!

   

Trackback dal tuo sito.

Questo sito web necessita dei cookies per offrire tutte le sue funzionalità. Continuando la navigazione si accetta l'uso dei cookie. MAGGIORI INFORMAZIONI
OK  »
x